Tutti i Santi, solennità

pregare con la parolaDal Vangelo di Gesù Cristo secondo Matteo 5,1-12a.

In quel tempo, vedendo le folle, Gesù salì sulla montagna e, messosi a sedere, gli si avvicinarono i suoi discepoli.
Prendendo allora la parola, li ammaestrava dicendo:
«Beati i poveri in spirito, perché di essi è il regno dei cieli.
Beati gli afflitti, perché saranno consolati.
Beati i miti, perché erediteranno la terra.
Beati quelli che hanno fame e sete della giustizia, perché saranno saziati.
Beati i misericordiosi, perché troveranno misericordia.
Beati i puri di cuore, perché vedranno Dio.
Beati gli operatori di pace, perché saranno chiamati figli di Dio.
Beati i perseguitati per causa della giustizia, perché di essi è il regno dei cieli.
Beati voi quando vi insulteranno, vi perseguiteranno e, mentendo, diranno ogni sorta di male contro di voi per causa mia.
Rallegratevi ed esultate, perché grande è la vostra ricompensa nei cieli. Così infatti hanno perseguitato i profeti prima di voi.

Commento:

In questa solennità in cui si ricordano tutti i Santi che già gioiscono in paradiso insieme al Signore, la Chiesa ci invita a riflettere insieme sulle beatitudini.

Dopo aver sostenuto la tentazione nel deserto e aver incominciato la sua predicazione, Gesù sale sul monte e comunica al suo popolo la sua Torah (la Legge, o meglio l’insegnamento). Il parallelismo con l’esperienza di Mosè è evidente. Però Gesù non è venuto ad abolire la legge mosaica, bensì a darle compimento. Egli reinterpreta la Torah con autorità, radicalizzandone le esigenze. Inoltre riconduce tutti i precetti a un unico principio, ricapitolandoli nel comandamento guida dell’amore del prossimo.

La prima parte del discorso (5,1-12) è dedicata alle beatitudini. Beato traduce l’aggettivo makarios, che a sua volta traduce il sostantivo ebraico ashrè che si può tradurre con “prosperità!” o “felicità!”. Questo termine fa parte della letteratura sapienziale (libri dei Proverbi e dei Salmi). La prosperità e la felicità sono un dono di Dio, ma richiedono delle particolari azioni da parte dell’uomo (ad es. Beato l’uomo che non segue il consiglio degli empi… Sal 1). Matteo con le sue beatitudini si colloca in questa prospettiva indicando le qualità umane che sono adatte ad accogliere la beatitudine.

Questo brano delle beatitudini ci viene proposto oggi perché i Santi sono coloro che più di altri sono riusciti a incarnare le beatitudini nella loro esistenza e hanno mostrato come questo sia possibile.

Halloween è una ricorrenza lontana da noi…..

Diapositiva1 halloween_cimitero_837040«Il consiglio che mi sento di dare alle famiglie è: accostatevi a questa festa senza subirla. Spiegate ai vostri ragazzi perché voi fate scelte diverse. Aiutateli ad approcciare la realtà con un pensiero critico». La Federazione Istituti Attività Educative, conosce bene la situazione in cui si trovano tanti genitori che hanno figli in età scolare, q uando a fine ottobre le città si “addobbano” con i colori e la merceologia di Halloween.

- Cosa ne pensa?
«Senza dubbio, negli ultimi anni questa festa ha preso molto piede. Basta guardare le vetrine delle cartolerie, delle panetterie e dei negozi di giocattoli per capire la portata del fenomeno e comprendere che il “target” si è abbassato: ormai non si tratta più solo di feste tra universitari, ma è un evento che coinvolge soprattutto i bambini e viene “celebrato” sia in luoghi pubblici che in case private».

- Perché è una festa controversa?
«Perché prima ancora di sollevare un problema di tipo religioso – non dimentichiamo che è una festa pagana –  dalla nostra cultura umanistica e pone una pressante questione culturale. Ha preso piede in un momento storico in cui le identità sono particolarmente fragili, in cui tutto viene accettato in modo acritico, in cui non si è più capaci di argomentare il perché di una scelta. Mi domando quanti siano in grado di spiegare cos’è Halloween, perché viene celebrata nel mondo anglosassone, cosa rappresenta la sua tradizione. Se si facesse questa operazione culturale, prima ancora che religiosa, è chiaro che poi sarebbe inevitabile prenderne le distanze. Non si tratta di essere cristiani oscurantisti, si tratta di sforzarsi di comprendere i fenomeni che ci circondano».

- Come spiega il fatto che si preferisca raccontare ai bimbi storie di streghe e mostri, fino a travestirli, piuttosto che accompagnarli a visitare i defunti al cimitero?
«Se ci si traveste da mostri si esorcizza la paura, se ne fa una burla pittoresca perché questa nostra fragilità ci impedisce di fare davvero i conti con la morte. Se invece si sceglie di andare al cimitero, significa trovare la forza e la serenità di confrontarsi davvero con la nostra finitudine. Significa fare lo sforzo di spiegarla ai nostri figli».

- Ma come si fa a negare a un bambino una festa?
«È un processo faticoso, e gli adulti oggi sono sempre meno capaci di fare fatica. Non serve avere atteggiamenti bacchettoni. Pensiamo al messaggio che ci sta dando Papa Francesco: invita ad avere sempre un senso di vicinanza alla realtà, di affrontarla a viso aperto, di domandarsi che peso diamo alle cose. Ecco, penso che sia giusto vivere questi giorni con un atteggiamento responsabile: non devono necessariamente pioverci addosso, possiamo affrontarli, possiamo anche viverli, ma sempre con consapevolezza e spirito critico, prendendo le distanze da ciò che non condividiamo».

progetto_ECCELLENZA

_progetto ECCELLENZA_
….nell’ambito del progetto ECCELLENZA in Matematica, la nostra Scuola Secondaria Sacra Famiglia intende far partecipare gli alunni ai Giochi d’Autunno – MATEpristem 2013, proposti dall’Università Bocconi di Milano. Tale competizione ha la finalità di diffondere una cultura matematica mantenendo uno spirito ludico e non di mera competizione fra i ragazzi…….Diapositiva2

cerimonia consegna_ DIPLOMI di licenza media

mini-1

Una bambola di sale voleva ad ogni costo il mare.
Era una bambola di sale, ma non sapeva che cosa fosse il mare. Un giorno decise di partire.
Era l’ unico modo per soddisfare la sua esigenza.
Dopo un’ interminabile pellegrinaggio attraverso territori aridi e desolati, giunse in riva al mare e scoprì qualcosa di immenso e affascinante e misterioso nello stesso tempo. Era l’ alba, il sole cominciava a sfiorare l’ acqua accendendo timidi riflessi, e la bambola non riusciva a capire.
Rimase lì impalata a lungo, solidamente piantata al suolo, la bocca aperta.
Dinanzi a lei, quell’ estensione seducente. Sì decise. Domandò al mare :
- Dimmi chi sei ?
- Sono il mare.
- E che cos’è il mare ?
- Sono io !
- Non riesco a capire, ma lo vorrei tanto. Spiegami che cosa posso fare.
- E’ semplicissimo: toccami.
Allora la bambola si fece coraggio. Mosse un passo e avanzò verso l’ acqua.
Dopo parecchie esitazioni, sfiorò quella massa con un piede.
Nè ricavò una strana sensazione.
Eppure aveva l’ impressione di cominciare a comprendere qualcosa.
Allorchè ritrasse la gamba, si accorse che le dita dei piedi erano sparite.
Nè risultò spaventata e protestò :
- Cattivo ! Che cosa mi hai fatto ?
Dove sono finite le mie dita ?
Replicò imperturbabile il mare:
- Perchè ti lamenti ? Semplicemente hai
offerto qualche cosa per poter capire. Non
era quello che chiedevi ? ….
L’ altra piatì:
- Sì veramente, non pensavo…, ma…
Stette a riflettere un po’. Poi avanzò decisamente nell’ acqua. E questa, progressivamente, la avvolgeva, le staccava qualcosa, dolorosamente. Ad ogni passo, la bambola perdeva qualche frammento. Ma più avanzava, più si sentiva impoverita di
una parte di sè, e più aveva la sensazione di capire meglio. Ma non riusciva ancora a dire cosa fosse il mare.
Cavò fuori la solita domanda:
- Che cosa è il mare ?
Un’ ultima ondata inghiottì ciò che restava di lei.
E proprio nell’ istante in cui scompariva, perduta nell’ onda che la travolgeva e la portava chissà dove, la bambola esclamò:
- Sono io !

mini-2 mini-3 mini-4 mini-5 mini-6 mini-7 mini-8 mini-P1050627 mini-P1050628 mini-P1050629mini-P1050631 mini-P1050632 mini-P1050633 mini-P1050634 mini-P1050635 mini-P1050636 mini-P1050637 mini-P1050638 mini-P1050642 mini-P1050643 mini-P1050644 mini-P1050645 mini-P1050646 mini-P1050647 mini-P1050648 mini-P1050650 mini-P1050651 mini-P1050652 mini-P1050653 mini-P1050654 mini-P1050655 mini-P1050656 mini-P1050657 mini-P1050658 mini-P1050659 mini-P1050660 mini-P1050661 mini-P1050662 mini-P1050663 mini-P1050664 mini-P1050665 mini-P1050666 mini-P1050667mini-P1050669 mini-P1050670 mini-P1050671 mini-P1050672 mini-P1050673 mini-P1050674 mini-P1050675mini-P1050677 mini-P1050678 mini-P1050679 mini-P1050680 mini-P1050681mini-P1050683 mini-P1050684 mini-P1050685 mini-P1050686 mini-P1050687 mini-P1050688 mini-P1050689 mini-P1050690mini-P1050692 mini-P1050693 mini-P1050694 mini-P1050695 mini-P1050696 mini-P1050697 mini-P1050698 mini-P1050699 mini-P1050700 mini-P1050701 mini-P1050702 mini-P1050703 mini-P1050704 mini-P1050705 mini-P1050706 mini-P1050707 mini-P1050708 mini-P1050709 mini-P1050710mini-P1050712 mini-P1050713 mini-P1050714 mini-P1050715 mini-P1050716mini-P1050718 mini-P1050719 mini-P1050720mini-P1050722 mini-P1050723 mini-P1050724 mini-P1050725 mini-P1050726 mini-P1050727 mini-P1050728 mini-P1050729 mini-P1050730 mini-P1050731grazie(1)RAGAZZI 

BUON CAMMINO nella VITA